Tu sei qui

Quelli che ... scappano dalle recinzioni!


Io ho tre cani lupi cecoslovacco, un maschio e due femmine, due non saltano la recinzione e non tendono alla fuga, precisando che è stato impedito loro qualsiasi tipo di fuga dal basso, cioè scavando buche, cosa che tendono a fare, non hanno mai valicato la recinzione di 1,60 metri.

Una femmina invece, ama fare delle scappatelle, o meglio amerebbe se non ci si ingegnasse ad impedirlo, e non per "ansia da separazione" come in genere avviene, ma proprio per fatti suoi personali.

Il cane non deve assolutamente uscire per sua iniziativa, purtroppo oggi non esiste più possibilità di libertà, dato che può causare anche involontariamente, situazioni di pericolo, specie per le auto, nonchè per una serie di motivi che sono ovvi e non sto ad elencarli.

La suddetta CLC salta e si arrampica, anche su 4 metri in altezza di recinzione, anche se il suo spazio a disposizione sono ettari di terreno, non è mai abbastanza per colmare la necessità di curiosare all'esterno, cosa abbastanza naturale, ma assolutamente vietata per i motivi di sicurezza e malintesi vari.

Quindi individuato uno spazio sufficiente per il benessere animale, ogni Comune vara delle norme ben precise riguardo alla detenzione dei cani, ad esempio il mio Comune, indica per il benessere animale ................

Normativa box cani

(varia a seconda del Comune di appartenenza)

Se su cemento: da 4mq a 8mq di cui almeno 2mq coperti, deve esserci canalizzazione e collegamento alla rete fognaria.
Se su terra: la superficie obbligatoriamente a disposizione del cane deve essere di 25mq ogni 12Kg di peso del cane (es.un CLC di 30Kg di peso dovrebbe avere a disposizione circa 63mq di terreno)
meglio informarsi presso il proprio Comune e presso la propria ASL di competenza, non sempre esiste una normativa, quindi va a discrezione personale.

Dicevo individuato lo spazio da adibirsi, occorre ingegnarsi col fine d' impedire fughe sia da terra, che sotterranee, nonchè "aeree".

La cosa è piuttosto dispendiosa, anche perchè alla recinzione a cielo aperto è indispensabile aggiungere, anche un box con tettoia e base di cemento o piastrelle poggiate sul suolo, nonchè di cuccia "classica" in legno o materiali innovativi, che specie i primi tempi da cuccioli, saranno oggetto di sgranocchiamenti da parte del cane.

Se vi capita un soggetto con tendenza alle scappatelle, lo scrivo scherzando ma non troppo, andate a visitare presso uno zoo, com'è che vengono tenuti rinchiusi Lupi e affini e riproducete una recinzione simile.

Questa è la mia esperienza, come qualche allevatore vi potrà dire, la situazione è frutto di cattiva gestione da parte mia, o come qualche altro potrà dirvi, è che la causa sono i miei soggetti ed i loro non fanno cose simili, io sinceramente spero che abbiano ragione loro!

Ma dai racconti e dalle esperienze di altri proprietari di CLC, "proprietari sull'orlo della disperazione" mi sento ìn dovere di esporre come ho risolto io il problema senza mettere in adozione il cane, senza doverlo riportare all'allevatore e varie .... anche se il pensiero, durante le nottate al freddo dopo ore a piedi e in macchina alla ricerca del cane, mi ci è andato sovente...

Beninteso che un soggetto del genere comporta un impegno maggiore in quanto non può vivere recluso a vita, anzi avendo lui maggior desiderio di muoversi e maggiore vitalità di altri, bisogna dedicargli tutto il tempo che è possibile a lunghe scampagnate magari in bicicletta o anche a piedi, basta MUOVERSI!

Sig! NON è UN CANE PER PIGRI!

LEGGI anche: Quando il cane scappa...